Tutto sulla salute umana

Diagnosi e trattamento delle malattie

Come trattare il blefarospasmo delle cause oculari, i sintomi, il trattamento, la prevenzione

Content:

Come trattare il blefarospasmo delle cause oculari, i sintomi, il trattamento, la prevenzione

Come trattare il blefarospasmo dell’occhio: cause, sintomi, trattamento, prevenzione Il blefarospasmo è una sindrome neurologica accompagnata da uno spasmo muscolare incontrollato intorno agli occhi: cause, sintomi, diagnosi e trattamento del disturbo.

Sintomi, diagnosi e trattamento del blefarospasmo

“Stopped”, “vetroso”, ipnotico, “serpentino”, sguardo impassibile del suo squisita cattiva schermo non può essere definito piacevole.

Ma non meno sgradevole è la sua beffa opposta, il frequente “ammiccare” di un interlocutore a un altro, che è iniziato all’improvviso nel mezzo di un’intensa discussione.

“Wink”, che non corrisponde alla situazione o al soggetto della conversazione, causando uno smarrimento acuto e una giusta indignazione del secondo partecipante alla conversazione. Quanti milioni di accordi sono falliti a causa di questa “familiarità”, che non è affatto accettata nel mondo degli affari!

Ma il nocciolo della questione è che qui non c’è nemmeno una smorfia civettuola dall’odore.

Stiamo parlando di un caso medico con un pregiudizio neurologico – incontrollato, che si manifesta senza alcuna ragione apparente, una contrazione convulsa del muscolo circolare dell’occhio (a contatto con le palpebre), che non può essere fermato dalla forza di volontà. Dai un nome a questa occasione: blefarospasmo.

Morgane – “specchio dell’anima”?

È difficile non essere d’accordo con il fatto che gli occhi sono lo “specchio dell’anima”. Ecco un bambino, in piedi “nell’interrogatorio” di fronte al genitore e guardando direttamente a lui

Questo significa che qualcosa è entrato nei suoi occhi, e che qualcosa deve essere rimosso da lì, da frequenti battiti di palpebre, causando un maggiore rilascio di lacrime che potrebbero lavare e disinfettare la superficie degli occhi? No, è solo da incolpare e per il bene della propria salvezza ad ogni costo, egli mentalmente.

Questo semplice test parla di una profonda connessione tra lo stato dell’organo della vista – la sua cattiva salute o salute – e lo stato del grande cervello. O non così grande, ma non meno importante, delle sue strutture nervose, nelle cui profondità si trovano spesso le radici della patologia:

  • nuclei dei nervi facciali;
  • tronco cerebrale;
  • gangli basali.
READ  Quante volte la risonanza magnetica del cervello può essere fatta, è pericoloso per il corpo, possibile danno

E a seconda dell’altezza delle strutture interessate saranno diverse e le manifestazioni di blefarospasmo e il loro grado di gravità.

Da episodio a sistema

La gamma di manifestazioni del blefarospasmo è insolitamente ampia: dal semplice battito di ciglia agli episodi di lampeggio ritmico a breve termine, dai frequenti spasmi dei muscoli di chiusura delle palpebre (con contrazioni ritmiche separate) alla completa chiusura degli occhi con abbassamento delle palpebre e incapacità di salire in modo indipendente.

Il blefarospasmo clonico sotto forma di battito rapido incontrollabile è caratterizzato da:

  • manifestazione in giovane età;
  • entrambi si verificano senza ovvi motivi e la cessazione del sequestro da soli;
  • la manifestazione iniziale unilaterale (o il coinvolgimento alternativo dell’uno o dell’altro occhio) con una transizione graduale del processo all’apparato neuromuscolare del secondo occhio.

Con una varietà isterica di blefarospasmo clonico (in giovani pazienti di sesso femminile), il processo è inizialmente bilaterale, che termina dopo alcune ore (giorni) sia spontaneamente che premendo i “punti Ricevimenti e criteri diagnosticidi pressione” che vengono rilevati accidentalmente sul cranio (il punto di uscita del nervo trigemino) .Il paziente arriva al blefarospasmo tonico, che si manifesta con un serramento involontario frequente e intenso degli occhi, 2-3 anni dopo il “debutto” della malattia, quando un aumento graduale ma costante della durata e della forza degli spasmi crea nella sua vita difficoltà quasi insormontabili.

L’incapacità di “leggere” visivamente la situazione della vita (cecità con visione pienamente conservata) con un grave grado di compromissione porta ad un senso di inferiorità e ancora maggiore depressione della psiche del paziente con aggravamento della malattia al grado di distonia, diffondendosi prima ai muscoli della bocca e poi a tutti i muscoli mimici .

READ  Dysmetry e i suoi principali tipi di ipermetria e ipometria del campione

Ci sono anche blefarospasmo:

  • primario o essenziale
  • secondario o sintomatico.

Malattie dell’occhio e delle palpebre e processi cronici nella cavità orale, nasofaringe e seni paranasali causano blefarospasmo riflesso.

Il blefarospasmo può essere un sintomo della malattia di Wilson, Huntington, morbo di Parkinson, tetania, corea, epilessia corticale.

Ricevimenti e criteri diagnostici

Il riconoscimento della violazione e la sua differenziazione da una patologia simile è notevolmente facilitato dall’uso dei criteri di Harrison nel lavoro – un’analisi completa dei fattori che confermano o confutano la presenza di questa patologia.

Includono:

  • scoprire i singoli momenti della storia ostetrica e sviluppo del paziente nell’infanzia;
  • un’attenta esclusione di altri sintomi (atassia, paresi, convulsioni convulsive o simili manifestazioni neurologiche);
  • controlla la distonia muscoli facciali e pose distoniche;
  • diagnostica di laboratorio e strumentale (esclusi i cambiamenti nel fondo, che mostrano la norma nell’EEG, nella RM e nella TC del cervello);
  • chiarimento di un possibile uso precedente di neurolettici e altri, provocando l’apparizione della malattia, droghe.

Al fine di limitare l’area di ricerca del ricorso alla lesione con l’aiuto della tomografia a emissione di positroni (PET), per determinare lo stesso

Quando si confronta il blefarospasmo isterico con una diversa forma idiopatica (essenziale, primaria) a favore del primo si indicherà:

  • contrazioni convulsive limitate esclusivamente alla muscolatura circolare dell’occhio, senza coinvolgere i muscoli della fronte e della metà inferiore della faccia;
  • mancanza di aiuto a se stessi usando gesti correttivi (come sollevare le sopracciglia, arricciare la fronte, appoggiarsi alla testa);
  • una chiara connessione della sindrome con un background nevrotico (con un manierismo elaborato, esagerazione di posture e movimenti, con una forte attenzione all’iperkinesis);
  • efficacia della psicoterapia.

Nella sindrome linguale-masticatoria, causata dalla somministrazione di neurolettici, i movimenti violenti avranno il carattere di corea, saranno veloci e non provocati da movimenti volontari dei muscoli coinvolti, non ci saranno spazi luminosi e dinamiche dei sintomi.

READ  Sintomi di tremore intenzionale (tremore) e trattamento di malattie

Quando la diagnosi differenziale con le malattie degli occhi deve essere tenuta a mente il glaucoma e le condizioni infiammatorie di entrambe le parti interne ed esterne dell’occhio.

Il blefarospasmo scatenato da un attacco di glaucoma è diverso (oltre alla forte esacerbazione del riflesso del battito di ciglia):

  • intenso dolore agli occhi con la loro presa nella regione fronto-parietale;
  • iperemia del bulbo oculare;
  • dilatazione della pupilla;
  • risposta ridotta alla luce e acutezza visiva.

Inoltre, le caratteristiche sono gli attacchi notturni che si verificano in posizione supina.

Trattamento: obiettivi e metodi

Da ciò segue logicamente di seguire diverse direzioni strategiche nel trattamento dei disturbi alla base della sindrome.

Questo è il principio della terapia conservativa, tra cui:
  • terapia farmacologica;
  • agopuntura (agopuntura);
  • la psicoterapia.
E anche:
  • l’uso di metodi di guarigione chirurgica;
  • Trattamento per iniezione con tossina botulinica A.

Trattamento: obiettivi e metodi

La terapia farmacologica prevede l’uso di diversi gruppi di farmaci:

  • anticolinergici (in particolare, Clonazepam con un graduale – secondo lo schema – aumentando la dose);
  • benzodiazepine;
  • antidepressivi;
  • neurolettici.

Come misura forzata, inoltre, dando un effetto limitato nel tempo, vengono utilizzati metodi chirurgici:

  • intersezione bilaterale dei rami dei nervi facciali;
  • termolisi dei rami del nervo facciale (che può essere sostituita con l’iniezione locale di alcool etilico).

Il trattamento con la tossina botulinica A consiste nel bloccare le terminazioni nervose colinergiche con l’inibizione del rilascio di acetilcolina nella giunzione sinaptica, portando ad una diminuzione dello spasmo muscolare.

Il superamento della disfunzione dei sistemi colinergici e dopaminergici è un altro compito importante nello sviluppo di nuovi metodi di effetti biochimici sui centri centrali del SNC coinvolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *